LANGUAGE:
MENU

mostre

COMUNICARE NELLA GRANDE GUERRA

stampa, giornali di trincea, corrispondenza, propaganda e fotografia
3 agosto 2012 – 28 ottobre 2012

SEDE ESPOSITIVA
Villa Manin di Passariano
INGRESSO
 
ORARI
dal venerdì alla domenica
dalle ore 10.30 alle 18.00
INFORMAZIONI
tel. 0432-481528
consorziomem...@gmail.com
VISITE GUIDATE
GRATUITE PER GRUPPI SU PRENOTAZIONE
tel. 0432-481528
consorziomem...@gmail.com
 
COMUNICARE NELLA GRANDE GUERRA:
stampa, giornali di trincea, corrispondenza, propaganda e fotografia

La mostra storico-documentaria, organizzata dal Consorzio Memoria Storica, prende in considerazione il tema “comunicazione” durante il periodo della Grande Guerra, utilizzando fonti documentarie sia italiane che di altri Stati coinvolti nel conflitto.


La “comunicazione” durante gli eventi bellici del periodo 195-1918 rappresenta lo strumento per divulgare e comprendere l’essenza di vicende e persone che contribuirono a scrivene la storia. Il percorso espositivo si articola in cinque tematiche: stampa periodica, giornali di trincea, corrispondenza dal fronte, propaganda e fotografia.
 

  • Tematica I: stampa periodica nazionale ed europea.
    I quotidiani e le riviste periodiche sono il principale mezzo per conoscere le vicende belliche in un periodo nel quale non esistevano ancora i mass-media di cui oggi disponiamo; in questo arco cronologico la prima pagina di qualsivoglia giornale diventa l’immagine aggiornata della realtà del fronte.
    Alcune testate, come “La Domenica del Corriere”, “Le petit Juornal” o la “Wiener Zeitug”, diventano con le loro copertine sui fatti d’arme antesignane delle attuali televisioni.
     
  • Tematica II: giornali di trincea.
    Questa tipologia di giornale è uno strumento di propaganda ufficiale che diventa emanazione delle truppe combattenti al fronte: nel caso specifico vengono esposti alcuni tra i più rari esemplari esistenti in Italia, per esempio “Il Montello”, “La Baionetta”, “Il Razzo”, per gran parte provenienti dal Fondo Maggi di Genova.
     
  • Tematica III: corrispondenza dal fronte.
    Negli anni del conflitto la corrispondenza rappresenta l’unica forma di comunicazione aperta a tutti, anche a coloro che non sapevano scrivere o leggere tramite l’aiuto dei commilitoni.
    Troviamo esposte cartoline postali e lettere scritte che il più delle volte riportano il visto della censura militare.
     
  • Tematica IV: propaganda
    Tale forma di comunicazione orientata a informare e persuadere la società sugli eventi bellici e sulla bontà di idee e ideologie che portarono alla guerra, trova in questo periodo uno sviluppo “spropositato” che si concretizza in quello che diverrà uno dei principali mezzi di comunicazione del conflitto: la cartolina illustrata. La mostra indica ed espone i principali filoni tematici delle cartoline del periodo.
     
  • Tematica V: fotografia
    Dal 1915 la fotografia di guerra da mezzo di documentazione e ricognizione del territorio diviene sempre più lo specchio e la realtà della dura vita al fronte.
    Si cerca, partendo dalla evoluzione delle prime squadre fotografiche nel 1915, di descrivere questa preziosa fonte di comunicazione ricordando che l’Ufficio fotografico dell’Esercito suddivise la sua attività in ben 35 tematiche che spaziano dalle località del fronte alla vita di trincea, senza dimenticare che tale produzione che verrà affiancata dalla iniziativa “privata o non ufficiale” vedrà il nascere della comunicazione cinefotografica di guerra.