LANGUAGE:
MENU

Il paesaggio dei magredi

a cura di Daniele Fantin e Guido Comis

Il PAESAGGIO DEI MAGREDI

 

Mostra fotografica organizzata da ERPAC - Ente Regionale per il PAtrimonio Culturale - della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

curata da Guido Comis e Daniele Fantin

Sala esposizioni, primo piano barchessa di levante

Aperture: martedì a venerdì dalle ore 15:00 alle 19:00
Sabato e domenica dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 13:30 alle 19:00

 

In osservanza delle ormai ben note disposizioni personali ANTI COVID la capienza massima di accessi contemporanei in sala è di 15 persone.



 

Il percorso espositivo intende restituire attraverso l’occhio di fotografe e fotografi non professionisti friulani il carattere del luogo, documentando il rapporto fra natura e presenza umana. Una raccolta di più di cinquanta fotografie esposte e suddivise in sezioni che riflettono i diversi aspetti del paesaggio e della percezione dei magredi. Le servitù militari, le rare architetture, il rapporto fra vegetazione spontanea e campagna coltivata, i canali, le strade; il tutto inteso come luogo di rigenerazione e/o meta naturalistica. Il paesaggio dei magredi oggi è caratterizzato dalla convivenza di elementi naturali e artificiali che in molti casi non sono in conflitto fra loro, ma concorrono in ugual misura a definire un panorama geometrico, scabro e severo.





 


 

Autori delle fotografie sono: Samantha Banetta, Antonio Cordenons, Elisa Cozzarini, Stefano Fabian, e Silvio Vicenzi.  Sono inoltre presentate anche fotografie aeree dei fotografi regionali: Roberto Pizzutti e Stefano Zaninini e dello studio di ingegneria “D’ORLANDO ENGINEERING S.r.l.”  di Udine. 
 

Nell’ambito della mostra è possibile visionare un documentario (in versione ridotta) dal titolo: Life Magredi Grasslands. Un progetto per il recupero dei magredi friulani. Prodotto da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Regia di Roberta Cortella.