LANGUAGE:
MENU

SOMEWHERE. Luisa Menazzi Moretti, mostra fotografica

Una significativa mostra fotografica illustra il percorso creativo di Luisa Menazzi Moretti.

SEDE ESPOSITIVA

Esedra di levante
INGRESSO

Libero
ORARI

Da martedì a venerdì:
15.00 - 19.00
Sabato e domenica:
10.00 - 19.00

Chiuso il lunedì

Aperture straordinarie:
(10.00 - 19.00)
 
  • lunedì 28/03/2016
  • lunedì 25/4/2016
  • lunedì 1 & 6/5/2016
UFFICIO STAMPA

Azienda Speciale Villa Manin:
0432/821211

Ufficio stampa mostra:
IBC Irma Bianchi Communication
Tel. +39 02 8940 4694
Mob. + 39 328 5910857
info@irmabianchi.it

testi e immagini scaricabili da
www.irmabianchi.it
VISITE GUIDATE
 

SOMEWHERE

 

di Luisa Menazzi Moretti, a cura di Valerio Dehò
La manifestazione sarà aperta al pubblico da Sabato 12 Marzo a Domenica 15 Maggio ed inaugura venerdì 11 Marzo ore 18.00
Preview per la stampa venerdì 11 marzo ore 11.30

 


 

Una significativa mostra fotografica illustra le tappe del percorso artistico e creativo di Luisa Menazzi Moretti; percorso che si snoda attraverso nuclei tematici connessi tra loro, che l’artista presenta in 5 serie: Cose di natura, Words, P Greco, Solo e Ingredients for a Thought, ognuna delle quali è una narrazione, un racconto che indaga su temi diversi legati alla natura, al sociale, all’interiorità e intende creare, attraverso una forte carica partecipativa, una prospettiva multipla oltre a sollecitare una pluralità di interpretazioni. Gli scatti di Luisa Menazzi Moretti, caratterizzati da una continuità di linguaggio, rispecchiano una realtà ricca di sfaccettature, la cui lettura si completa con la presenza e il contributo dello spettatore; una visione totalmente aperta al confronto e alla condivisione, che stimola chi guarda ad immaginare, a pensare, ad esprimersi.

 

 

OPERE

 


 

Nei 20 lavori a colori della serie Cose di natura, scorci di realtà conducono in una dimensione metaforica, densa di emozioni. Gli elementi naturali sono infatti simboli che alludono non solo alla bellezza, all’armonia e all’equilibrio, ma anche alla desolazione e alla devastazione, come testimoniano Petalo e Foglie (2012), Mare (2014) o Campo (2012). Della natura emergono il forte carattere rigenerativo e la possibilità di vita che non si esaurisce, ma continua.

Il catalogo della mostra Somewhere di Luisa Menazzi Moretti é in vendita presso il nostro bookshop Una connessione inscindibile con le parole viene creata invece con Words, fotografie dove frammenti di testi raccontano brandelli di storie, di vite, di attimi, immortalati poco prima che andassero persi, buttati, modificati. Ciascun immagine è affiancata da un testo critico inedito di personaggi noti del panorama culturale nazionale: intellettuali, scrittori, giornalisti, artisti, critici fra cui Alberto Abruzzese, Francesco Bonami, Elio De Capitani, Leandra D’Antone, Gabriele Frasca, Paolo Rossi, Tiziano Scarpa che non intendono fornire un’interpretazione, ma creare un ulteriore spunto di riflessione.
Molto rappresentativa è Anima (2013), il cui soggetto è una lettera di un internato nel campo di concentramento di Dachau, nella quale sono contenute parole piene di speranza, non consapevoli di un destino tragicamente segnato. In questa sezione emerge inoltre l’importanza della parola e della scrittura nel vissuto all’artista; un piccolo nucleo di immagini autobiografiche si ispirano all’infanzia e agli avvenimenti significativi della vita di Luisa Menazzi Moretti.

Di forte impatto sono le due sale successive il cui allestimento prevede ambienti oscurati e sottofondi musicali, che contribuiscono a sottolineare il gioco luce-ombra caratterizzante tutta la mostra. P Greco, accompagnata da Paradise Circus dei Massive Attack, raccoglie scatti dedicati alla simbologia della forma circolare, esaltandone alcuni aspetti ad essa connessi; ne sono esempi le fotografie Whenua, parola della lingua Mahori dal duplice significato di “terra” e “placenta”; Imprevisto che rimanda alla sorpresa in una vita troppo retta e monotona; Testimone un bulbo oculare inteso come registro di cose vissute; Fuga un foro circolare nelle crepe di un muro attraverso il quale evadere.

La serie ‘Solo’ rappresenta forse al meglio la sensibilità della Menazzi Moretti per quel qualcosa che non possiamo nominare esplicitamente, che è appunto ineffabile, ma che possiamo soltanto collocare in un altrove che vuol dire semplicemente che non è qui, vicino a noi.
— Valerio Dehò

In linea con una ricerca che sconfina oltre dimensione reale è la serie più recente e inedita Solo, che ben si unisce alle note di 21 Grammi di Ludovico Einaudi e che il curatore Valerio Dehò così descrive: “la serie ‘Solo’ rappresenta forse al meglio la sensibilità della Menazzi Moretti per quel qualcosa che non possiamo nominare esplicitamente, che è appunto ineffabile, ma che possiamo soltanto collocare in un altrove che vuol dire semplicemente che non è qui, vicino a noi”. Attraverso questi scatti l’artista immagina infatti una dimensione atemporale e trasmette gli stati d’animo di un viaggio verso l’ignoto tramite volti di uomini, donne e bambini. L’utilizzo di filtri, sovrapposizioni, contribuisce a creare una sospensione, una sorta di distacco, una proiezione di una realtà ultraterrena. Ne sono esempio Solo #10, Solo #1, Solo #8, che alternano sentimenti di incertezza, inquietudine, riflessione e pace.

Il percorso espositivo si conclude con le opere Ingredients for a Thought che approfondiscono il tema dell’alimentazione, in esso l’autrice riconosce il linguaggio assoluto delle società contemporanee e attraverso una ricca sequenza di simboli legati al colore, all’infanzia, a alle parole, come si osserva in Christmast Balls, The Choice, Drop, ricrea una dimensione ludica che fa del cibo un intermediario fra sensi e memoria.

Accompagna la mostra un catalogo edito da Gente di Fotografia con testi in italiano e in inglese di Luisa Menazzi Moretti, Valerio Dehò e Antonio Giusa.

 

 

CENNI BIOGRAFICI

 


 

Nata a Udine nel 1964, Luisa Menazzi Moretti all’età di tredici anni lascia l’Italia per trasferirsi con la famiglia negli Stati Uniti, dove in Texas, nella città di College Station, frequenta la high school per poi proseguire a Houston i suoi studi universitari. In quegli anni inizia la sua passione per la fotografia; frequenta corsi e predilige la stampa e lo sviluppo in bianco e nero. Ritorna a vivere in Europa, si laurea in Lingue e Letterature Straniere Moderne, lavora a Londra per poi, dopo alcuni anni, trasferirsi in Italia. Ha vissuto a Udine, Bologna, Roma, Napoli e Venezia.
Le sue opere sono state esposte in vari musei e gallerie e sono entrate a far parte di diverse collezioni internazionali.
La casa editrice Arte’m ha pubblicato due cataloghi di Luisa Menazzi Moretti: Words (2013) e Cose di natura - Nature’s Matters (2014). Le sue precedenti mostre sono state curate e presentate da Denis Curti, Achille Bonito Oliva, Francesco Bonami, Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei.
L’artista è attualmente rappresentata da DAFNA Home Gallery, Galleria Due Piani e La Salizada Galleria.

 

 

OPERE