LANGUAGE:
MENU

WILLIAM MARC ZANGHI

31 marzo - 23 maggio 2012

SEDE ESPOSITIVA
Villa Manin di Passariano, Esedra di Levante
INGRESSO
 
ORARI
31/03 – 23/05/2012:
dal martedì al venerdì
13.00 - 18.00
Sabato e domenica
09.00 - 19.00
Lunedì chiuso.
UFFICIO STAMPA
NORA comunicazione Eleonora Caracciolo di Torchiarolo
Via A. Sforza 9 – 20136 Milano - 339 89 59 372 info@noracomunicazione.it - www.noracomunicazione.it
 
 
WILLIAM MARC ZANGHI

Il programma espositivo previsto nella magnifica Villa Manin per la primavera 2012 è tutto all’insegna della giovane arte contemporanea italiana: circa 20 opere di William Marc Zanghi saranno infatti esposte nelle splendide sale dell’Esedra dal 31 marzo al 20 maggio 2012.

Nelle grandi tele di William Marc Zanghi, nato a Wichita – Texas nel 1972, i luoghi diventano contenitori di una moltitudine di input tutti volti a rendere la complessità dell’animo umano. Vernici che ci travolgono con grande enfasi e potenza, ricreando un alone di pathos e riempiendo lo sguardo di vivaci e talvolta acide tonalità. I protagonisti sono contesti architettonici abitativi, squarci di quartiere, case stagliate al centro della composizione, isole, muri che raccontano nel loro apparente immobilismo un susseguirsi di quello che è stato e di quello che avverrà. Il lavoro di Zanghi ci conduce ad un varco, consentendoci il passaggio, facendo entrare così lo spettatore all’interno delle sue prospettive.


A metà strada tra visioni allucinate e realismo, Zanghi dipinge con colori violenti rubati ai fumetti. I suoi squarci hanno una prospettiva prettamente cinematografica: le inquadrature sono decentrate, tagliate, strappate dal tessuto continuo della realtà, una formula che consente all’artista di conferire alle sue immagini casualità, magia e dinamismo al tempo stesso.


Le tele di Zanghi sono antinarrative, non raccontano, ma squarciano per un attimo il tempo, mostrandoci immagini dense di elementi immobili strutturati dentro un'azione senza inizio né fine. Lo spazio è pieno di informazioni immobili, di ambientazioni surreali marcate dal colore e dalla gestualità dell'artista.
L’osservatore ha l'impressione di essere travolto da una forza che è data dall'impatto coloristico, dalla maniera di pittura con colature, chiazze dense e lisce di materia, brillantezza e riflessi.